Risorse utili per promuovere i talenti.

Oggi voglio dare risorse utili per chi ha compreso che è necessario conoscere se stessi per poter realizzare obiettivi ambiziosi nell’era del cambiamento.

Ti aiuto per promuovere i talenti della tua azienda superando punti critici o non presi in considerazione.

In particolare, mi riferisco a chi lavora in squadra e si domanda se può essere una stella che può brillare tra le altre (senza dar fastidio, e, mentre brillano anche gli altri!) invece di accontentarsi di essere utile in modo normale/standard nel gioco di squadra.

Pur sapendo di essere dei talenti, molti dipendenti non osano e anche l’azienda ci perde. Ci perdono tutti in realtà, perché siamo sempre interconnessi con tutto e tutti.

Vuoi promuovere i talenti della tua azienda? Fai diventare il lavoro un banco di esplorazione per innovare se stessi e la vita.  

Ti sto invitando ad accogliere con concretezza la genialità e a guidarne l’espressione con criterio.

1. L'errore di fondo. Sei in perdita (fatturato, personale, idee) o sei in salita?

C’è un pensiero errato fatto da migliaia di persone tale per cui si pensa che se sei un dipendente aziendale (pubblica o privata) non puoi brillare e non puoi essere un avvincente genio.

Ci si limita a essere utile e si pensa che non è possibile provare gratificazione.

La conseguenza di questo errore è un appiattimento della gioia personale e della produttività. Le azioni diventano spente, senz’anima.

L’aspetto peggiore è che se sei appiattito nel lavoro, ossia senza vita, porti appiattimento anche nella vita privata. Viene a crearsi in poco tempo un circolo vizioso di apatia in cui la qualità del lavoro abbassa la qualità della vita privata e viceversa, per un tuffo senza fondo nella depressione.  

Per fortuna l’era del cambiamento sta illuminando la mente di tutti, scuotendo dinamiche e convinzioni.

È stato compreso che già a partire dall’organigramma aziendale è necessario assumere dipendenti brillanti o aiutare gli attuali dipendenti a essere brillanti.

Mi riferisco a ogni settore, anche quello dell’organizzazione dove ogni dipendente deve avere autonomia e  responsabilità.

Senza espressione della gioia, che dipende dall’espressione della propria identità/essenza, la disciplina e l’autonomia muoiono in schemi standard che diventano rigidi nel tempo. Questo ha conseguenze negative che sono visibili solo dopo due anni di lavoro.

Ecco dunque che ciò che stai raccogliendo oggi nella tua azienda dipende da ciò che hai curato due anni fa. Che cosa stai raccogliendo? Sei in perdita (fatturato, personale, idee) o sei in salita?

Vediamo insieme come essere in salita. Che tu sia un dipendente o un titolare d’azienda sai come si esprime la propria identità/essenza? Perché parte tutto da qui.

2. Bisogna contestualizzare per ottenere un beneficio. Ecco dove siamo.

Una volta chiarito che per far brillare un’azienda bisogna promuovere i talenti dei dipendenti  facciamo un passo avanti.

Per ottenere il beneficio dell’espressione della propria essenza è necessario innanzitutto sapere in che periodo storico siamo. Bisogna sempre contestualizzare l’obiettivo. Ti serve avere maggior chiarezza e quindi essere in grado di specificare le difficoltà, i bisogni e le risorse del momento per arrivare a realizzare l’obiettivo desiderato.

Non basta leggere i libri in materia se non conosci i bisogni del momento presente, e i bisogni del presente Non li trovi nei libri (perchè Non c’è stato il tempo di scriverli!).

La vita è quel libro che puoi leggere solo vivendola. Quello che puoi fare adesso è attrezzarti per saperla interpretare da cui deriva una miglior capacità decisionale e un miglior problem solving.

Portiamo dunque il focus sugli ultimi mesi. Sembra tutto fermo e invece tanto si sta muovendo dentro milioni di persone. C’è chi ha deciso di portare luce nella propria “cantina”, ossia consapevolezza sui propri e profondissimi meccanismi interiori su cui Non aveva mai fatto luce.

Cosa significa per te “muoversi dentro” e “portare luce e consapevolezza sui meccanismi profondi”?

Se ti sembra filosofia ti sbagli. È qualcosa di molto, molto, molto più concreto di quanto appaia. È la cura di un infinito mondo (che noi siamo) da cui dipende ogni cosa che vediamo con gli occhi fisici.

Per essere felici mentre si lavora non basta fare il lavoro che appassiona (che è di per sè un traguardo ambizioso), bisogna essere persone appassionate. Bisogna che la fiamma della vita sia viva, forte e stabile dentro di sè.

Quando c’è vita c’è voglia di fare.

Quando non c’è vita c’è pigrizia, c’è scarico di responsabilità, ci sono accuse.

Serve diventare consapevoli dell’infinito mondo interiore e guardare soprattutto tutto ciò che impedisce di essere vivi, autentici e pieni di energia.

È un match fortunato questo! La consapevolezza che voglio portarti porta successo sia nel lavoro che nella vita privata contemporaneamente.

Arrivo al dunque. Milioni di persone in questo periodo storico ha preso una pausa di riflessione per diventare consapevole di tutte le dinamiche tossiche e drenanti di energia della loro vita, nella vita privata e nel lavoro.

Le persone stanno cercando un nuovo inizio ma guardare fuori non basterà! Le dinamiche esterne sono un riflesso delle dinamiche interne.

Dire a un bambino non mangiare sempre caramelle è diverso dal dire a un bambino il perchè non bisogna mangiare molte caramelle.

La consapevolezza rende reale la trasformazione, ossia tangibile e durevole nel tempo.

3. L'errore che non ti aspetteresti mai di compiere così spesso

Non fare più lo stesso errore: non guardare fuori, inizia a guardare dentro di te e invita gli altri a fare lo stesso.

Vai leggero verso l’innovazione e i progetti di lavoro che implicano azioni collettive. Vai brillante e sicuro di te stesso e del tuo talento.

Chi sarà determinato a rinascere riuscirà a saltare un confine che lo ha trattenuto negli ultimi dieci anni (per qualcuno quindici anni).

Vedi com’è importante questa fase storica? Vivila bene (ossia dai valore alla consapevolezza, dai energia al tuo percorso interiore).

Sei, e siamo, in un salto di coscienza dove potremo finalmente riorganizzare tutto della nostra vita e, secondo i NOSTRI gusti, senza più obblighi, senza più limiti, senza più paure o altre catene di sorta.

È stato più di un decennio (o più) di grande formazione dove abbiamo affrontato scontri che Non pensavamo di poter superare.

Migliaia di persone hanno realizzato il fatto di sapercela fare anche da soli, dicendo BASTA a situazioni che teneva in piedi soltanto per paura di Non poterne fare a meno, nel lavoro e nelle relazioni private.

Sai, se c’è ancora qualcosa che devi sistemare dentro di te attirerai qualcosa che ti aiuterà a vedere cosa devi pulire dentro te. E quando comprenderai la lezione questa persona/dinamica se ne andrà con un semplice invito ad andarsene. Senza violenza. È questione di energia. 

Molte persone invece fanno l’errore di rifiutare o ignorare qualcosa che dà disagio (una scelta che ingrandisce sempre più il disagio). Si fa continuamente l’errore di proiettare all’esterno ciò che invece ha cause interne. 

Lo so, sono state rivelate verità dure, scomode, difficili da assimilare in questi ultimi mesi, ma questo sta permettendo un cambio di coscienza. Le nuove energie pretendono l’ordine nella tua vita, innazitutto dentro te stesso e poi fuori (nella materia).

4. La verità è scomoda, ma è l'unica strada per costruire un futuro prospero.

Essere un talento e non sembrare un talento è un lavoro per artisti dell’anima. Innovazione, felicità e tutte le competenze trasversali impennano quando lavori in modo ottimale la base: la consapevolezza dell’Essere.

È come fare un investimento sulle azioni e non sulle obbligazioni. Nel lungo periodo (anni) i guadagni aumentano molto di più se investi sulle azioni invece che sulle obbligazioni.

Quali sono le azioni da fare oggi? Investire sul capitale umano attraverso professionisti del settore allineati agli obiettivi e ai valori della tua azienda.

Inizia dalle persone del dipartimento dell’organizzazione e dalla qualità del prodotto/servizio. Molti titolari investono di più nel dipartimento marketing o quello della vendita. Sono convinta che bisogna curare la basi e che non ci sia niente di meglio che avere un organigramma chiaro e forte.

Se invece vuoi qualcosa di ancora più veloce e profondo puoi scegliere il mio programma COCOLI con cui favorisco la trasformazione e l’evoluzione di tutto l’organico aziendale, senza fare distinzioni di dipartimento.

La mia passione per la conoscenza dell’essere umano unita alla mia ossessione per la struttura può essere applicata portando non solo benefici a livello umano ma anche a ogni settore aziendale.

Selezionare chi e cosa è una fase urgente e molto delicata, sei sicuro di avere in questo momento la squadra che ti serve per raggiungere ciò che desideri raggiungere? E sei sicuro che la squadra che hai è allenata come merita?

In questa fase storica ci si sta scegliendo. Ognuno di noi sta cambiando le scelte di chi avere al proprio fianco per vivere la propria vita. Un valore salito ai vertici rapidamente dopo la pandemia è la qualità della vita mentre il valore dello status professionale ed economico è sceso dalle posizioni leader come sono sempre stati agli inizi dell’Era del Ferro, quella fase storica in cui era dominante un’energia maschile distorta.

Come in ogni fase di transizione, le persone si sentono perse attualmente. Non sanno cosa sta accadendo e cosa fare. Questo è un nuovo inizio storico dove pochissimi hanno le idee chiare e ancora meno hanno gli strumenti per gestire le criticità.

Molte persone iniziano ad entrare in una profonda crisi interiore, che se vissuta bene può portare a magnifiche trasformazioni. È la vita che spinge a cambiare se stessi per allinearsi alle nuove energie emergenti.

Più investi energia dentro di te (invece che fuori nutrendo troppe cose/progetti/relazioni) e meglio saprai gestire il fuori/esterno con discernimento, padronanza e saggezza.

Chi è stato troppo fuori/all’esterno negli ultimi quindici anni sta subendo il contraccolpo con perdite, ripetute sensazioni di fallimento, relazioni pieni di rabbia, incertezza sul futuro e senso di sconnessione. Si stanno domandando: “Perchè le cose Non fluiscono più come prima?

É l’universo che rimette l’equilibrio. È Lui che ha sempre l’ultima parola. E ciò che pensavi di aver costruito erano o castelli di carta (che sono sempre destinati a cadere) oppure delle dinamiche prima andavano bene e che ora Non vanno più bene, che seppure valide in passato oggi Non lo sono più.

Invece, chi si è lasciato attraversare dalla vita negli ultimi quindici anni cambiando, trasformandosi, prendendo consapevolezza dei propri schemi interiori ed evolverli man mano potrà iniziare a raccogliere i premi.

Attenzione, c’è da affrontare l’ultimo round. Non adagiarti su questa carezza/bella notizia che ti sto dando. Bensì utilizzala a tuo favore come se avessi “alzato la palla per farti schiacciare meglio”, usando i termini pallavolistici.

Promuovi i talenti della tua azienda dando loro ciò di cui hanno bisogno e non solo non li perderai, attiverai in loro capacità che non pensavano di poter esprimere.

Significato e gratificazione riempiranno lo spirito di queste persone. Soddisfatte queste esigenze profonde non c’è nessun pericolo di perdere le persone nella propria azienda. Si resta (o si torna) dove si è felici e gratificati.

“La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l’opportunità.”

Lucio Anneo Seneca

Potrebbe interessarti anche:

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dott.ssa Mariacristina Palmiero

Ciao! Sono Mariacristina Palmiero, autrice di corsi di evoluzione e leader nei settori della medicina olistica e delle risorse umane.