Mantieni il ritmo lavorativo con l’equilibrio psicofisico.

Un ambiente lavorativo che promuove l’equilibrio psico-fisico offre supporto ai dipendenti oltre le loro aspettative.

Se dirigi una squadra di professionisti talentuosi e il sistema di valutazione delle performance è più un freno che un motore di crescita, come agisci?

È tempo di innovare la gestione delle performance portando sia semplificazione che grandi risultati!

Troppo spesso i sistemi tradizionali di valutazione della performance portano a frustrazioni e demotivazione. Non preoccuparti, c’è una soluzione di cui oggi ti presento un dettaglio.

Il mio focus è l’anima con una modalità che fa incontrare spiritualità e vita quotidiana, attraverso corsi dedicati alle squadre.

In effetti, quando si fa esperienza del mondo invisibile le persone riescono ad andare oltre la difficoltà e a trasformarla in un vantaggio, in tempi anche molto brevi.

Ecco dunque altri dettagli per creare un ambiente di lavoro più sano, felice e produttivo per tutti!

 

1. Se non riesci a lavorare come vorresti valuta il tuo equilibrio psicofisico.

Quando ci si trova costantemente a lottare per mantenere il ritmo lavorativo desiderato potrebbe essere il momento di valutare attentamente l’equilibrio psicofisico.

Troppo spesso la pressione e lo stress sul lavoro possono compromettere il benessere mentale e fisico dei professionisti. Questo può portare a una diminuzione della produttività, della motivazione e persino della salute generale.

Prendersi cura del proprio equilibrio psicofisico non solo migliora la qualità della vita, ma anche la performance sul lavoro. Riconoscere e affrontare le sfide legate al benessere può portare a una maggiore resilienza, creatività e successo professionale.

Numerose ricerche dimostrano che un buon equilibrio psicofisico è essenziale per sostenere alte prestazioni nel lavoro. Le persone che investono nel proprio benessere sono spesso più efficienti, concentrate e in grado di gestire meglio le sfide quotidiane.

L’impegno per valutare e migliorare il proprio equilibrio psicofisico richiede tempo, risorse e una mente aperta. Tuttavia, gli investimenti fatti nella salute mentale e fisica sono preziosi e possono portare a vantaggi duraturi sia nella carriera che nella vita personale.

2. Vuoi stare bene? Vuoi crescere? Allora ricorda: prima dentro e poi fuori.

Molti cadono nell’inganno di confondere l’equilibrio con il controllo, ignorando che questa sottile distinzione può plasmare due vite completamente diverse: nella prima, si assiste a un crescendo sia spirituale che materiale, mentre nella seconda si sperimenta un progresso materiale seguito da una battuta d’arresto perchè la dimensione spirituale è del tutto assente, una parte fondamentale a cui tutti, prima o poi, siamo chiamati ad integrare.

La vita, per sua natura, è un equilibrio dinamico, eppure molte persone costruiscono la propria sicurezza sull’illusione del controllo.

La vita, periodicamente, ci mette alla prova con dei “soffi”; talvolta, essi si trasformano in tempeste che spazzano via tutto ciò che era stato costruito sulla falsa base del controllo. Conosci qualcuno che ha vissuto questa esperienza? La sua devastazione è innegabile.

C’è un solo modo per mantenere la propria stabilità: coltivare un equilibrio psicofisico, tramite la consapevolezza di se stessi con una pratica costante.

L’equilibrio psicofisico potrebbe sembrare un concetto alla moda, ma è base di ogni creazione, la radice di ogni grande sogno realizzato nella storia. 

Ricorda: il lavoro inizia dentro di te e si riflette all’esterno. Molti credono che siano le azioni a generare risultati, invece è l’intenzione guidata dalle azioni a produrre effettivamente.

Hai mai vissuto l’esperienza di aver dato tanto e investito molte energie senza ottenere il risultato desiderato?

È giunto il momento di cambiare approccio. Guarda al controllo per quel che è: una stampella temporanea. Valorizza l’equilibrio psicofisico dai benefici, tra cui la performance conservata nel tempo.

Non temere di abbandonare il controllo, ma non farlo senza una guida specializzata. E lasciati ispirare da ciò che puoi diventare e che puoi vivere in modo più profondo e leggero di quanto tu abbia mai immaginato.

3. Crea il tuo equilibrio psicofisico trasformando cinque elementi da errori in vantaggi.

Più ti aggrappi con forza alle cose, più intensamente la Vita potrebbe contrattaccare con un fallimento significativo o la perdita di qualcosa a cui tenevi profondamente. 

Questi eventi sono segnali che la Vita ti sta indicando di non cristallizzarti, ma piuttosto di fluire con il corso degli eventi.

Il primo passo è valutare il tuo attuale livello di equilibrio psicofisico. Un aiuto prezioso può arrivare dal riconoscimento di cinque “campanelli”: confusione, paura, rabbia, insoddisfazione e preoccupazioni.

Questi stati emotivi, seppur sottili, possono avere un impatto potente sulla tua performance e sull’equilibrio tra vita personale e professionale in quanto influenzano profondamente la tua percezione della realtà e del tuo potere personale.

Trasforma questi stati d’animo in vantaggi. Quando impari a creare un equilibrio psicofisico comincerai a notare cambiamenti significativi, come un atteggiamento più sereno, proattivo e responsabile, una maggiore apertura nelle relazioni, decisioni prese con chiarezza e una propensione a sorridere più spesso.

È giunto il momento di riflettere sulle micro scelte che compi ogni giorno. La qualità dei frutti dipende dalla bontà dei semi che pianti nel tuo mondo interiore. 

Non è un cammino privo di sforzi però ricorda che il male può sembrare dolce all’inizio, ma diventa amaro alla fine. Mentre il bene può sembrare amaro all’inizio, ma diventa dolce alla fine.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su telegram
Telegram

<< La vita è come andare in bicicletta. Per restare in equilibrio devi muoverti. >>

Einstein

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dott.ssa Mariacristina Palmiero

Ricercatrice indipendente nel settore delle discipline olistiche. La mia missione è migliorare la qualità della vita e il rendimento professionale attraverso lo sviluppo di soluzioni concrete e innovative. Attraverso molti anni di esperienza ho creato percorsi di apprendimento coinvolgenti e trasformativi, in grado di risvegliare la coscienza delle persone e creare un ambiente di lavoro felice e armonioso. Credo fortemente nell'importanza di promuovere relazioni di alta qualità e supportare il benessere e la crescita individuale e collettiva, con un'attenzione meticolosa ai dettagli e alla pianificazione. Il mio obiettivo è elevare il livello di consapevolezza e costruire una nuova umanità.