I 10 punti chiave del leader per il successo del tuo team.

I 10 punti chiave del leader per il successo del tuo team.

Questo articolo NON è rivolto solo a manager e imprenditori che cercano consigli su come diventare leader di successo. Questo articolo é rivolto a tutti, perchè tutti siamo chiamati a esprimere il leader che è in noi.

Dovremmo analizzare costantemente la nostra leadership per assicurarci che stiano guidando efficacemente:

  1. noi stessi (ognuno di noi è già una squadra in quando legione di personalità),
  2. il nostro team (indipendentemente dal ruolo e dalla gerarchia),
  3. la famiglia (la squadra forse più difficile da guidare).

Saper guidare rende piacevole la vita a tutti. Il rischio di non farlo è troppo alto per essere superficiali…

1. Sei un vero leader o solo un capo?

Tantissimi manager si stanno impegnando per essere dei leader sempre migliori. Vediamo una lista che può aiutarti a fare chiarezza nella differenza tra capo e leader riguardanti:

  1. L’autorità
  2. La voglia dei dipendenti di lavorare
  3. Il tipo di azione
  4. La delega
  5. La gerarchia e il noi

1. L’AUTORITÀ. Comando dei boss e influenza dei leader.

Un capo dà ordini per istruire gli altri su cosa fare, un leader ispira gli altri a trovare la strada migliore da seguire, motivandoli a massimizzare il loro potenziale. In altre parole li incoraggia a pensare da soli per raggiungere i fini desiderati.

L’autorità di un capo deriva dal suo ruolo, l’autorità di un leader deriva dalla sua capacità di influenzare gli altri. Puoi aumentare la tua influenza con comportamenti incoraggianti: prendendoti cura del tuo team, ascoltando i loro pensieri e idee e condividendo il ‘perché’ dietro le decisioni e le azioni che intraprendi. Le persone ti seguiranno perché vogliono e non solo perché devono”.

2. LA VOGLIA DEI DIPENDENTI DI LAVORARE. I capi spiegano e i leader ispirano.

“La più grande differenza tra un leader e un capo è che un buon leader ispira le persone e le rende entusiaste del loro lavoro”, ha affermato Christine Macdonald, direttrice di The Hub Events Il capo ti spiega il compito da fare , mentre un leader ti appassiona e ti motiva facendogli conoscere l’importanza del loro lavoro.

3. IL TIPO DI AZIONE. Disciplina dei capi e mentore dei leader.

Mentre è più probabile che i capi utilizzino un sistema di ricompensa e punizione per scoraggiare comportamenti scorretti, i grandi leader capiscono che i dipendenti traggono vantaggio dall’incoraggiamento, dal riconoscimento e dal tutoraggio.

Se da un lato è intelligenze favorire i talenti degli altri per raggiungere un obiettivo comune. È essenziale notare i punti di debolezza di ogni dipendente per colmare le carenze e costruire fiducia in loro.  Il leader ci riesce perchè scolta empaticamente, comunica e offre un feedback costruttivo.

4. LA DELEGA. I capi delegano compiti e i leader delegano l’autorità.

Un capo ha obiettivi chiave da raggiungere e dice alle persone cosa fare e si preoccupa che lo facciamo bene. Un leader definisce la visione a lungo termine del team e la usa come “motivatore chiave” dice Christina J. Eisinger, Executive e Leadership Coach. Utilizzando le loro eccellenti capacità di comunicazione e negoziazione, influenzeranno gli altri a vantaggio generale dell’organizzazione. 

5. LA GERARCHIA E IL NOI: I boss sono al di sopra della squadra e  i leader fanno parte della squadra.

Un capo non conoscere i propri dipendenti come fa un leader perchè vedono i membri del loro team come subordinati, mentre i leader lasciano andare questa distinzione gerarchica e vedono i membri del loro team come contributori alla pari. 

Per essere un leader, è essenziale facilitare relazioni positive con i tuoi dipendenti, essendo tutti unici e speciali entra in azione una motivazione personalizzata: lavora con i loro bisogni e crea una cultura che incoraggi la comunicazione aperta dando l’esempio, infatti, esprime le tue emozioni per entrare in contatto con i tuoi lavoratori”.

In questo paragrafo hai visto che:

  • Un capo dà ordini per istruire gli altri su cosa fare, un leader conosce i membri del suo team e li educa, ispira, motiva, istruisce, riconosce, unisce, rafforza.

2. Come essere un buon leader per migliorare il coinvolgimento del tuo team.

Ora che è chiara la differenza tra leader e capo facciamo uno step avanzato per essere un leader sempre migliore.

La vita è più semplice quando ognuno fa la sua parte. Nel lavoro questo è molto chiaro. È possibile coinvolgere il proprio team affinchè sia alta a produttività ma anche qualcosa di speciale: l’esperienza del lavoro.

Il lavoro non è più guardato come un modo per esprimersi, per dimostrare capacità e ingegno per raggiungere uno status. Il lavoro si sta trasformando sempre più velocemente in un’esperienza di lavoro. Affinchè ciò accada è necessario curare la relazione con i colleghi, a prescindere dai ruoli e dalla gerarchia.

Vediamo come puoi essere un buon leader per migliorare il coinvolgimento del tuo team attraverso cinque elementi chiave:

  1. Avere una comunicazione onesta e aperta.
  2. Creare connessione con i membri del team.
  3. Incoraggiare la crescita personale e professionale.
  4. Mantenere un atteggiamento positivo.
  5. Comprendere e mantenere vivo il tuo “perchè”.

1. Avere una comunicazione onesta e aperta.

I dipendenti sono un riflesso di ogni leader e se fai del comportamento onesto ed etico un valore chiave, il tuo team ti seguirà. È necessario personalizzare le interazioni e gli stili di comunicazione per adattarsi a ognuno. Ciò significa che va preso il tempo necessario per capire quale modalità di comunicazione è preferita da ciascun membro del team (persona di testo, e-mail, telefono o faccia a faccia).

2. Creare connessione con i membri del team.

Guidare un gruppo di persone richiede fiducia e comprensione tra il leader e i membri del suoi team. Per raggiungere questo obiettivo, i leader dovrebbero imparare a connettersi:

  • essendo un leader “più umano”, che richiede positività, scopo, empatia, compassione, umiltà e amore;
  • concentrandoti sulla conoscenza di ogni membro della personalità, interessi, punti di forza, debolezze, hobby e preferenze. Questo può darti un’idea dei loro obiettivi e motivazioni.

3. Incoraggiare la crescita personale e professionale.

I leader credono nei loro dipendenti e danno loro l’opportunità di imparare e crescere, non hanno paura di delegare compiti e incoraggiare la libertà e la creatività.  “Per motivare e ispirare i dipendenti, la strategia di leadership consiste nel consentire agli altri di fare del proprio meglio e di affrontare nuove sfide”, ha affermato John Rampton, fondatore e CEO di Calendar . 

4. Mantenere un atteggiamento positivo.

Il modo in cui gestisci una situazione negativa dice molto sulle tue capacità di leadership: concentrati sulle soluzioni piuttosto che sui problemi. Mostrando entusiasmo e fiducia, un buon leader vedrà l’impatto che può avere nel proprio ambiente di lavoro: una forza lavoro più impegnata e produttiva

5. Comprendere e mantenere vivo il tuo “perchè”.

Per essere un leader efficace hai bisogno della giusta motivazione. Ti interessano i soldi o il prestigio o vuoi sinceramente ispirare le persone a fare del loro meglio? Se una persona in una posizione di leadership vede il proprio ruolo come “solo un lavoro”, si vedrà. Chiediti davvero perché vuoi guidare. Considera la leadership come un onore e una vocazione.

In questo paragrafo hai visto che:

  • Un leader si mostra così com’è senza maschera. Migliora se stesso continuamente così da aiutare gli altri a esprimere la parte migliore di loro.

<< Tutti i manager aziendali devono essere prima di tutto dei leader. >>

Peter Drucker, padre del management moderno.

PARTECIPA ALLA RIVOLUZIONE DI COSCIENZA

Scegli il binario per imparare a essere in armonia con te e con gli altri.

Scarica la guida pratica scritta da Mariacristina Palmiero con raccoglie 21 passi di preparazione al metodo COCOLI per elevare la coscienza dell'ambiente.

Cosa Riceverai In Questa Guida

La strategia più forte

La semplicità di esecuzione degli esercizi rende possibile la trasformazione a chiunque.

Investi su Mestesso S.P.A.

Tu sei la tua prima azienda. Investi il tuo tempo su di te perchè meriti di essere felice!

Estensione Mondiale

Tutte le email che riceverai e gli ebook scaricabili saranno sempre in lingua italiana e inglese.

GESTISCI UN CENTRO OLISTICO, UN OSPEDALE, UNA SCUOLA O UN'AZIENDA FUTURISTICA?

Conosci già quanto vale prendersi cura delle persone. L'essere umano è interconnesso con tutti e con tutto e quindi più sta bene e più porta benefici nel suo ambiente.

Se vuoi portare in armonia un gruppo di persone puoi chiedere una collaborazione scrivendo qui

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mariacristina Palmiero

Mariacristina Palmiero è una futurista, autrice e leader nei settori della medicina olistica e delle risorse umane.

risorse gratuite

DICONO DI ME

"Ho conosciuto la Dottoressa Mariacristina Palmiero in un momento delicato della mia vita. Mi é subito piaciuta, non so perché, ma aveva un'energia invitante. Ricordo di averla contattata per problemi di alimentazione, da subito si è dimostrata sensibile, competente e molto attenta a chi le stava difronte, per me elemento essenziale. Poi col tempo ho spostato l'attenzione sui problemi dell'anima e li ho trovato una luce che ha illuminato tutta la mia esistenza. E' stata ed è un punto fermo in questo percorso di crescita, ho imparato a guardare ogni cosa e ogni persona con occhi diversi. Le sono molto riconoscente per tutto quello che mi ha trasmesso e credo che ognuno di noi dovrebbe incontrare almeno una volta la Dottoressa Palmiero."
Giuditta Ponticelli
"Mariacristina combina gentilezza, ascolto, doti empatiche e presenza verso i propri clienti ad una preparazione fuori dal comune per una ragazza di appena trent'anni. Costantemente presente verso i propri clienti. E' una creatura che fa del servizio uno stile di vita senza risparmiarsi sul portare avanti, spesso da sola, un progetto così importante ed ambizioso."
Paolo Muccio
"Ho conosciuto la Dottoressa Mariacristina Palmiero quasi per caso in un momento della mia vita in cui avevo bisogno di ricompormi e centrarmi. Oltre ad aver trovato un'attenta e scrupolosa nutrizionista ho conosciuto una professionista a 360 gradi che si occupa anche e soprattutto del nutrimento della nostra anima. Ritengo che sia la persona adatta a seguire tutti quei casi in cui la sola dieta dimagrante non basta, le persone che hanno avuto dalla dieta solo effetti temporanei o ancora chi ha vissuto con peso e costrizione. La dottoressa saprà sicuramente trovare la chiave giusta per il proprio nutrimento interiore e di conseguenza quello esteriore. Ho avuto modo inoltre di sperimentare anche gli effetti benefici della Reconnective Healing sul mio corpo e sulla mia persona, altro importantissimo tassello per la guarigione del corpo attraverso il nutrimento interiore. In generale l'averla incontrata è stato per me una vera e autentica benedizione."
Leonardo Longhi
"La Dottoressa Mariacristina Palmiero è una professionista attenta e scrupolosa; ama il proprio lavoro e accoglie amorevolmente ogni paziente. Pone al centro della propria attività il continuo studio e la ricerca al fine di garantire risultati efficaci ed efficienti in base alle esigenze specifiche di ogni individuo. Il suo pregio migliore è l'umiltá che le consente di mettersi in discussione e di essere in continua evoluzione. Grazie alla Dottoressa Palmiero, dopo due gravidanze, sono riuscita a ritornare al peso desiderato con un'alimentazione equilibrata e sana."
Rossella Mazza