Come tornare a divertirsi nel team, senza cambiarlo.

Se percepisci pesantezza e vuoi tornare a divertirti sei sull’articolo giusto. Ogni decisione che deriva da un ascolto profondo è ottima, perchè descrive la volontà e la fiducia di poter rivoluzionare le cose a favore di un benessere superiore. Invece di subirle ti poni nell’attitudine di chi può cambiare le cose.

Se desideri portare nuova energia alla tua vita a cominciare dal tempo condiviso nel team leggi questo articolo e scarica il PDF degli esercizi!

1. Avvertire senso di pesantezza e oppressione allontana chiunque.

Non sentire supporto e complicità nell’ambiente che si frequenta può indebolire. Un ottimo traguardo è quello di respirare leggerezza e armonia e contemporaneamente sentirsi supportati.  

Un senso di pesantezza e di oppressione ci impedisce di provare piacere di stare insieme. Soprattutto nella relazione con i colleghi, la base per godere del tempo condiviso è un senso di leggerezza.

Ad esempio, se c’è pesantezza nell’ambiente e fai una semplice fotocopia hai il cuore triste. La testa è da un’altra parte, provi frustrazione e vorresti scappare altrove.

Invece se fai una fotocopia e hai il piacere di condividere il tuo tempo con gli altri sei allegro e ispirato. Ti senti una persona creativa anche nel fare una cosa così semplice.

Qual è il prezzo di disinteressarsi della qualità dell’ambiente? è la pena da scontare tutti i giorni per non avere il coraggio di cambiare le regole del gioco. Se provi pesantezza e frustrazione allontani chi ti circonda, innescando in questo modo solo un circolo vizioso: incomprensioni e giudizi si aggiungono come una coperta che va a nascondere il nucleo della gioia.

Se vuoi, puoi tornare a divertirti. Provare il piacere di lavorare è necessario per provare piacere nella vita privata. E in realtà puoi raggiungere un livello altissimo: quello di andare a lavoro come se ti incamminassi verso la tua seconda casa in cui sentirti amato, supportato e creativo.

Quindi ricapitoliamo in questo paragrafo hai visto che:

  1. Posso svolgere un compito molto semplice in due modi: con pesantezza oppure con creatività e piacere. Quale strada sto percorrendo adesso?
  2. È tempo di cambiare il circolo vizioso della pesantezza che genera altra pesantezza.
  3. Portando benefici nell’ambiente di lavoro migliora la qualità della mia vita personale.

2. E' giunta l'ora di sentirti vitale ed energico grazie alla forza dell'ambiente.

Tra il sentirti stanco/a e sentirti energico sono certa che sceglieresti di sentirti pieno di energia! E se ci riuscissi anche a lavoro faresti veramente “BINGO!”. Ad oggi è decisamente piccola la percentuale di persone soddisfatte del lavoro che fanno e molto dipende dalla qualità dell’ambiente che respirano.

Stabilisci un nuovo obiettivo!

Ho visto persone con occhi molto tristi quando le ho incontrate, e ho visto le stesse persone con gli occhi luminosi dopo un’ora di intenso lavoro interiore con me. Mi ritengo una persona fortunata perchè ho visto le persone tornare a sorridere. Una sola ora insieme ha cambiato “musica” alle loro giornate. Un’ora intensa di consapevolezze. Un’ora di possibilità messe in pratica.

E’ giunta l’ora di sentirti vitale ed energico e puoi riuscirci anche grazie alla forza dell’ambiente. Chiedi al tuo team di lavoro di portare maggior allegria. Comunicare crea: un’idea condivisa diventa una manifestazione concreta. Se la comunicazione c’è ed è nutriente allora la creazione raggiunge livelli molto elevati. Ti auguro un ambiente in cui c’è tanta comunicazione di qualità. 

Adesso è tempo di conquistare una consapevolezza: la prima comunicazione di qualità deve giungere da te stesso verso te stesso. Quindi, parlati onestamente e chiediti cosa ti sta appesantendo in questa fase della tua vita:

  • una decisione rimandata?
  • una paura mai affrontata?
  • una relazione?
  • il piano finanziario?
  • la salute di un familare?

Adesso ti scriverò un elenco di cose che appesantiscono “in modo silenzioso”. Sono aspetti a cui si dà poca importanza, perchè la società è ancora consumistica e basata sulla produttività. Solo le persone più coraggiose stanno facendo scelte radicali, che puntano alla propria felicità (che si rifà al vero Sè autentico). Ti vorrai così bene da equilibrare gli aspetti in cui intimamente ti riconoscerai?

  • eccessiva razionalità
  • iperproduttività
  • durezza
  • disconnessione dell’interiorità
  • perfezionismo, eccessivo controllo
  • forzare se stessi
  • insicurezza
  • emotività eccessiva
  • attesa perenne
  • tacere i propri valori
  • confusione mentale

Cosa aspetti? La vita è una! La vita è tua! Se sei in una dinamica di vita, personale o professionale che ti appesantisce, porta guarigione e leggerezza! Cambia la tua vita cambiando le regole interiori che segui! Scrivi le tue regole, scrivi chi vuoi vedere la mattina nel letto al tuo fianco per cui ti sentiresti la persona più fortunata del mondo. Scrivi le ore di lavoro che vuoi fare che possano renderti maggiormente produttivo e poi sii libero di giocare a tennis!

Se c’è qualcosa che ti impedisce di sorridere profondamente o se ti senti solo, allora vuol dire che NON ti stai ascoltando. E’ tempo di ascoltarti profondamente.

Quando sei in contatto con il tuo sè profondo, e quando vivi ciò che il tuo sè ti indica, sei felice! Avrai il coraggio di sceglierti e di seguirti?

Non c’è bisogno di cambiare il team di lavoro. Magari… avevi solo bisogno di ritrovare te stesso, di… essere il Sole della tua vita.  

Per ora riprendi in mano il tuo quaderno e scrivi i punti più importanti:

  1. Tu puoi fare “BINGO!” portando leggerezza nella vita privata e professionale.
  2. Sei dotato di grande attenzione, cura, amore. Hai solo bisogno di Accenderti!
  3. È possibile trasformare in amicizie le relazioni professionali e lavorare con complicità.

Tu sei importante. Quando vivrai quella vita che hai sempre sognato ricorda di dirlo a chi ti circonda che si può essere felici solo seguendo la propria anima e ciò che Lei suggerisce.

3. Perché la forza dell'ambiente è la chiave del successo.

Quando incontri una persona ansiosa o nervosa lo senti e facilmente ti coinvolge. Ti è mai successo?

  • Ci vuole molta centratura per essere sempre al massimo delle energie, positivi e costruttivi.
  • Ma soprattutto… ci vogliono pazienza, chiarezza e audacia per NON farsi coinvolgere dallo stato d’animo di un’altra persona.
  • Diventa ancora più difficile se questa persona la incontri tutti i giorni e lavori con essa.

L’ambiente determina un lavoro ben fatto oppure un lavoro mediocre. L’ambiente determina la gratificazione a prescindere se il lavoro finale è stato eccellente o mediocre. L’ambiente determina fiducia in se stessi anche se in quella giornata ti sei svegliato con la luna storta.

L’ambiente è come una di bolla intorno al nostro corpo: è una scatola di tante informazioni, e ha la forza di influenzare chi sei. Quando l’ambiente è curato tu puoi esprimerti totalmente, sia nella giornata nera che in quella luminosa.

Quando l’ambiente Non è curato ti senti costipato e da questa sensazione non hai fiducia in te nè gratificazione, a prescindere se hai creato un lavoro eccellente o mediocre.

Sappiamo fare benissimo le cose dopo esserci allenati da anni. Ma fare un ottimo lavoro non determina la gratificazione di averlo fatto veramente bene. La gratificazione arriva dalla qualità dell’ambiente.

L’ambiente è tutto, mi dicevano. Non volevo crederci. Mi credevo invincibile. Poi la vita mi ha dimostrato le conseguenze di diverse tipologie di ambiente. Sono una persona molto curiosa e vado d’accordo con molte persone, quindi ho conosciuto tante persone diverse.

Oggi quando dico ai miei colleghi che l’ambiente è la chiave del successo intendo dire che fa succedere delle cose straordinarie: gioia, gratificazione, connessione tra le persone, creatività, espressione della propria unicità, senso del proprio valore sono solo i primi doni.

Se desideri questo allora ti chiedo di considerare cosa hai imparato leggendo questo paragrafo:

  1. E’ l’ambiente a determinare la gratificazione di un lavoro svolto. Un lavoro ben svolto non avrà mai la stessa potenza.
  2. L’ambiente influenza chi siamo.
  3. L’ambiente fa succedere tante cose belle, ad esempio gioia, gratificazione, connessione tra le persone, creatività, espressione della propria unicità, senso del proprio valore

Appena saprai con certezza che puoi anche tu creare un ambiente migliore lasciati ispirare dalla creatività. Che la profonda libertà di esprimerti possa portare gioia a chi ti circonda attraverso le tue prossime, originali, scelte!

4. Come le persone appesantite possono tornare a divertirsi nel team, senza cambiarlo.

E’ un pensiero comune quello in cui non è facile divertirsi a lavoro. Quello che accade di norma è che una persona che sta male cambia lavoro, e forse cambia anche regione, pensando che le cose miglioreranno in questo modo. E quello che si osserva è “una bulimia di relazioni”: le persone passano da una relazione all’altra con voracità.

Le cose migliorano solo quando porti profonda comprensione delle dinamiche interne. Quando cambi la percezione di ciò che vivi, da reattivo diventi attivo, ed emani una frequenza più elevata. Per risonanza attirerai qualcosa di migliore, anche restando nella stesso ambiente di prima. Questa è la sfida più grande, te lo posso assicurare. Quando ho scelto di restare e di volgere lo sguardo dentro di me, sono successe tante magie.

Non sto dicendo che non devi cambiare ambiente, sto dicendo che c’è un’altra soluzione, ed è migliore se vuoi vivere relazioni di qualità, ossia profonde. La persona più difficile con cui avere una relazione siamo noi stessi. Usa questo metro di misura per comprendere << dove >> sei:

  1. Se incontri una persona autentica ti senti fortunata ad averla nella tua vita, e dai spazio e tempo a questa persona. Non vorresti mai perderla nella tua vita, perchè è un premio di Dio.
  2. Se incontri una persona autentica e scappi, non sai conversare con essa e ti rifugi in tante relazioni più superficiali allora vuol dire che non hai una sana relazione con te. E’ probabile che tu abbia paura di perderla, ma solo perchè in te vivono controllo e gelosia.

Quando saprai creare leggerezza in te, vedrai il tuo team con nuovi occhi, occhi luminosi…

Il cambiamento desiderato non è immediato, perchè ogni cambiamento è un processo. Se lo desideri ecco il primo impegno, scrivi i punti importanti che hai riconosciuto in questo paragrafo, ricorda:

  1. Io creo quello che penso, e quello che penso deriva dalla mia percezione e da ciò in cui decido di credere.
  2. Trasferirmi o cercare altre relazioni senza guardare le dinamiche con uno sguardo profondoNON serve: le stesse dinamiche si ripresenteranno successivamente.
  3. Io attraggo ciò che sono e questo è così potente da riportare a me la responsabilità della felicità che provo.

<< Colui che conosce il proprio obiettivo si sente forte; questa forza lo rende sereno; questa serenità assicura la pace interiore; solo la pace interiore consente la riflessione profonda; la riflessione profonda è il punto di partenza di ogni successo. >>

Lao Tse

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dott.ssa Mariacristina Palmiero

Ciao! Sono Mariacristina Palmiero, autrice di corsi di evoluzione e leader nei settori della medicina olistica e delle risorse umane.