“Cura lo stress con amore e avrai la MASSIMA performance”

rawpixel-com-252130-unsplash

C’era una volta un’amica testarda ma dal cuore buonissimo. La guidai nel trasformare ogni stress come un messaggio per lei di autoamore, imparando a riconoscere il limite oltre il quale non andare, la aiutai a interpretare ogni difficoltà che incontrava come una possibilità di reinventarsi, e a interpretare i messaggi della vita.

Il corpo le stava parlando, ma lei proprio non voleva ascoltare.

Maria credeva che facendo di più avrebbe ottenuto più risultati, ma non era così. C’è voluto del tempo affinché lei comprendesse dove fosse la verità, il tempo che il suo corpo parlasse con una voce ancora più forte: un dolore al cuore che non si calmava nemmeno sdraiandosi a letto.

Così ha preso la decisione di fissare un appuntamento con me, che per lei era decisamente un incontro con se stessa, che sentiva di star perdendo.

aleksandr-ledogorov-212542

Voleva concretizzare i suoi sogni ma questi la stavano ammalando. L’ho notato dai suoi occhi e le sue parole: “Ho dato tutto per realizzarmi, non ho nient’altro a parte il mio progetto di fare l’operatrice olistica.”

Poichè sapevo che era tutta questione di come vediamo noi le cose e che quindi è questione di percezione, non avrei mai potuto convincerla con le parole. Questa volta però non le spiegai il perchè scegliere il Percorso Di Guarigione “Stress e Infiammazione Cronica. Performance” dal punto di vista scientifico, volevo assolutamente evitare di incuterle paura, avrebbe solo peggiorato la sua condizione fisica. Operai per un’altra scelta, le diedi amore attraverso una via simbolica: le feci colorare un mandala.

Le disegnai due cerchi concentrici, le misi davanti pennarelli colorati per colorare, e le dissi che il cerchio più piccolo era il cuore.

IMG_20180127_171027

Lei comprese subito il messaggio, aveva una mente molto aperta: “Se il cuore sta bene allora il suo influsso su tutta la mia vita porta risultati positivi. Se il cuore non sta bene i risultati esterni sono scadenti.”

Poi intervenendo subito dopo, “ci andai giù” pesante:

“Il cuore è un giocattolo, e come tutti i giocattoli, si può rompere.

Ma trattalo con cura e lui in cambio ti svelerà tutti i suoi misteri.”

La giovane donna rimase molto compita da queste mie parole e si aprì ad ascoltare con l’intento di eseguire i consigli.

La aiutai a riconoscere ogni fonte fisica, mentale ed emozionale di stress, portandola a cambiare le azioni, i pensieri e le emozioni con cui nutrire ogni giorno della sua vita.

Curammo l’alimentazione, la respirazione e creammo insieme un planning giornaliero che comprendesse tutte le sua attività secondo la logica del corretto funzionamento del corpo.

Cercammo di dare spazio alle risate, ai sogni in grande, alle cose sciocche o pazze, alla musica per ballare o cantare.

Cerammo momenti per farle fare solo quello che le andava e non ciò che doveva fare, e non le fu facile questo punto, perchè era sempre ligia al dovere. Ma ci riuscimmo sviluppando il tema del autovalore.

Cercammo momenti in cui poteva stare nella natura e sentire il corpo di Madre Terra che la abbacciava. 

Cercammo momenti in cui si guardava allo specchio e si parlava con apprezzamento e momenti nella giornata in cui si abbracciava.

Cercammo il sorriso sulle labbra prima di andare a dormire, per salutare la giornata con soddisfazione e gratitudine per tutto ciò che aveva vissuto.

Sviluppò pazienza, creatività e sicurezza.

matthew-hamilton-166549 (1)

Tutto nella sua vita cominciò a migliorare, a partire dalla sua risposta alla vita. Anche nel lavoro più produttiva, era più organizzata e più efficace senza inivestire lo stesso impegno di prima.

Comprese che ero lì appunto per aumentare la sua performance e che quindi ero sua complice.

E quando le spiegai i meccanismi biologici dello stress comprese che la sua ambizione stava per ammalarla, senza ottenere i suoi successi, seppur meritati.

Un lavoro per guarire lo stress le ha permesso di avere molti benefici:

    • salute nettamente migliore, il suo cuore non ha mai più manifestato quel sintomo e aveva ripristinato una vitalità che non immaginava neppure di avere;
    • emozioni positive come la gratitudine, la pienezza, la pace, il perdono
    • più relazioni e relazioni appaganti;
    • lavorare con più appagamento, più sicurezza e più serenamente;
    • ha trovato anche l’amore aprendo dopo tanto tempo la porta del proprio cuore a un ragazzo che già l’amava;
    • ritrovare l’equilibrio e fu grazie a esso che cominciò per la prima volta ad assaporare la vita. Mi disse che prima di venire da me aveva quasi perso il senso della vita e del lavoro, che si stava trasformando una questione di sovravvivenza e non di missione.

Fui così felice di vederla tornare a se stessa. Maturò dando a se stessa l’amore che non si permetteva in precedenza.

Si sentiva realizzata, così come aveva sempre sognato.

Aprì le ali e spiccò il volo per diffondere l’amore tutto intorno a sè.

ameen-fahmy-221019

Volersi bene è davvero difficile quando nessuno ce lo ha insegnato. Purtroppo l’amore è legato, per ora, all’idea della sofferenza.

Cambiamo questo paradigma, liberando l’amore da tutte le percezioni di dolore.

Se sei felice di conoscere meglio le possibilità che hai per migliorare amarti attraverso un approccio verso lo stress che da valore al corpo, la mente, le emozioni e la bio-energetica ti invito a scrivermi le tue domande.

Appena posso ti risponderò personalmente dandoti un consiglio.

Ti auguro il meglio.

Sii nella Guarigione Totale,

Mariacristina Palmiero
Autrice dei Percorsi Di Guarigione.

Follow Them on Facebook Page.
Follow The Real Me on Facebook.(Edit)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mariacristina Palmiero

Mariacristina Palmiero

Sono Mariacristina Palmiero e aiuto le persone a realizzarsi attraverso la Guarigione. Siamo abituati a pensare che la malattia sia qualcosa di materiale, ma in verità Componenti Invisibili hanno un impatto su tutto il nostro Essere, includendo la parte più Visibile di noi: il CORPO.

Scopri di più su di me

Articoli recenti