La pace e la tolleranza

helena-lopes-459331-unsplash

Il viaggio dell’anima passa attraverso le seguenti risposte: combatti o fuggi, la re-azione, la tranquilla consapevolezza, l’intuizione, la visione, la creazione e l’Unità.

L’anima realizza se stessa in un modo sempre nuovo, la persona si spoglia della personalità e l’anima diventa il vero vestito, fatto di amore e serenità.

La risposta biochimica segue questi passaggi, infatti il cervello man mano crea neuroni nuovi la persona esce dalla prigione delle sue vecchie reazioni e raggiunge un nuovo livello sempre più alto di percepire Dio.

Attraverso i 7 Percorsi Di Guarigione, i nostri neuroni si evolvono per rendere reali le aspirazioni più elevate. Dal cervello nasce un Dio nuovo e utile, o per essere precisi, sette varianti di Dio che lasciano una scia di indizi per noi da seguire ogni giorno.

Si instillano in ciscuno di noi meraviglia, amore, trasformazione e miracoli, non solo perché desideriamo queste cose, ma perché sono il nostro diritto di nascita. Se venisse chiesto perché dovremmo sforzarci di conoscere Dio, la mia risposta sarebbe egoista: voglio essere un creatore. Questa è l’ultima promessa della spiritualità, che tu possa diventare l’autore della tua stessa esistenza, il creatore del destino personale.

Nel brodo quantico il tuo universo cerebrale è un caos travolgente. Deve essere interpretato per dare un senso, deve essere decodificato. Il cervello quindi non può prendere la realtà così com’è; una delle sette risposte verrà selezionata!

Per conoscere Dio devi partecipare consapevolmente a questo viaggio – questo è lo scopo del libero arbitrio.

Sulla superficie della vita facciamo scelte molto più banali ma pretendiamo che abbiano un peso enorme. In realtà, recitiamo costantemente sette scelte fondamentali sul tipo di mondo che riconosciamo:

La scelta della paura se vuoi lottare e sopravvivere a malapena.

La scelta del potere se vuoi competere e ottenere.

La scelta della riflessione interiore se vuoi la pace.

La scelta di conoscerti se vuoi una visione.

La scelta di creare se vuoi scoprire il funzionamento della natura.

La scelta di amare se vuoi guarire gli altri e te stesso.

La scelta di essere se vuoi apprezzare lo scopo infinito della creazione di Dio.

Non c’è male e bene, un percorso o scelta migliore o peggiore. Sei capace di tutte queste scelte; sono cablati in te.

Per molte persone sono state attivate solo le prime risposte. Una parte del loro cervello è dormiente e quindi la loro visione dello spirito è estremamente limitata. Non c’è da meravigliarsi se trovare Dio è chiamato risveglio. Un cervello pienamente risvegliato è il segreto per conoscere Dio. Alla fine, comunque, il settimo stadio è l’obiettivo, quello in cui il puro essere ci permette di divertirci nell’infinita creazione di Dio.

I riferimenti dell’attuale pagina vanno a Deepak Chopra – How to know God

Quando ognuno di noi comprende l’esistenza dei livelli e della condizione in cui il cervello deve sviluppare un potenziale per accedere a livelli successivi, accetta realtà diverse da quelle che non riusciva a comprendere precedentemente e accetta coloro che stanno attraversando altre realtà.

Nessun livello è migliore o peggiore, non c’è bene o male. C’è solo una realtà assoluta: Dio per noi non è una scelta ma una necessità. Dio, si scopre, non è una persona; Dio è un processo. Il tuo cervello è cablato per trovare Dio. Finché non lo farai, non saprai chi sei. Ma il nostro cervello non ci conduce automaticamente allo spirito. Cercare è sempre stato necessario. Alcune persone sentono che Dio è a portata di mano, o almeno all’interno della distanza buona per poterlo cercare, mentre altri sentono che è totalmente assente. Anche un ateo quindi ha bisogno del suo Dio, che è assente. Va tutto bene. Queste realtà sono tutte accettabili.

L’energia che attualmente viene usata per dire all’altro cosa è giusto e cosa è sbagliato potrebbe essere investita per la ricerca personale, e le guerre smetterebbero. Anche la scelta di quale alimentazione è giusta ci sta separando gli uni con altri. Ebbene, ormai anche a tavola, luogo di incontro, si fa la guerra: onnivori, vegetariani, vegani, crudisti e così via non mangiano più tutti insieme, ma non solo, si giudicano con odio e disprezzo.

E a mio avviso, essere arrivati a farci la guerra anche a tavola significa aver raggiunto un punto molto basso per lo scopo per cui siamo nati: l’Amore.

Dame Julian di Norwich visse in Inghilterra nel XIV secolo. Dame Julian chiese a Dio in modo diretto perché avesse creato il mondo. La risposta le ritornò in sussurri estatici:

Vuoi sapere il significato del tuo Signore in quello che ho fatto?

Lo sai bene, l’amore era il suo significato.

Chi te lo rivela? Amore.

Cosa ti ha rivelato? Amore.

Perché te lo rivela? Per Amore.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mariacristina Palmiero

Mariacristina Palmiero

Sono Mariacristina Palmiero e aiuto le persone a realizzarsi attraverso la Guarigione. Siamo abituati a pensare che la malattia sia qualcosa di materiale, ma in verità Componenti Invisibili hanno un impatto su tutto il nostro Essere, includendo la parte più Visibile di noi: il CORPO.

Scopri di più su di me

Articoli recenti