Cultura del riconoscimento: punti di forza e punti di debolezza.

Crea la cultura del riconoscimento: la pietra miliare di una gestione efficace.

Fin dalla più tenera età desideriamo il riconoscimento di genitori, insegnanti e amici. Il nostro bisogno di conferme è così forte che possiamo persino percepire una reazione neutra come negativa.

Oggi quindi tratto un tema molto delicato dando valore sia al riconoscimento sia all’auto-riconoscersi per non dipendere dai riconoscimenti esterni.

Il rischio di dipendere è forte, se sei fragile potrebbe bastarti “una carezza” per cedere.

Agisci coerentemente ai tuoi valori, ideali e prospettiva. E se arriva anche il riconoscimento dagli altri il godimento sarà centuplicato!

1." Qual è la cosa più importante che il tuo manager o la tua azienda fa attualmente per farti produrre un ottimo lavoro?"

Il riconoscimento dei dipendenti si riferisce a tutti i modi in cui un’organizzazione mostra il proprio apprezzamento per il contributo dei dipendenti, che si esplica attraverso risultati, comportamenti desiderati e accadimenti oltre le aspettative.

Un sondaggio fatto dall’azienda OC Tanner per studiare il coinvolgimento dei dipendenti includeva la domanda: “Qual è la cosa più importante che il tuo manager o la tua azienda fa attualmente per farti produrre un ottimo lavoro?” 

Gli intervistati hanno risposto fornendo una varietà di risposte ma è emerso uno schema chiaro. Il 37% degli intervistati ha affermato che un maggiore riconoscimento personale li incoraggerebbe a produrre un lavoro migliore più spesso.

Lo studio ha mostrato che l’affermazione, il feedback e la ricompensa sono i più efficaci per motivare i dipendenti a fare del proprio meglio. Vedi i risultati completi nel grafico qui sotto:

Fonte: O.C. Tanner

Great Place to Work ha analizzato 1,7 milioni di risposte raccolte tra il 2018 e il 2020 in aziende di piccole, medie e grandi dimensioni ed ecco ciò che dice:

” Il riconoscimento fa sentire i dipendenti che le promozioni sono giuste, stimola l’innovazione e uno sforzo extra. Dopo aver confrontato l’esperienza complessiva dei dipendenti che hanno ricevuto riconoscimenti con quelli che non lo hanno ricevuto , abbiamo scoperto che il riconoscimento era fortemente legato a diverse aree della cultura aziendale positiva. “

2. Come riconoscere il successo dei dipendenti.

Potresti pensare che i dipendenti desiderino solo promozioni in denaro per celebrare il successo, ebbene i lavoratori apprezzano anche il riconoscimento per le loro vittorie. Un semplice “ottimo lavoro!” o “grazie per il duro lavoro!” può incoraggiare i dipendenti e farli sentire apprezzati.

I membri del Consiglio dell’Agenzia Forbes  riconoscono pubblicamente il duro lavoro dei dipendenti in questo modo:

  1. Distribuisci premi alle celebrazioni a livello aziendale

“Le persone amano la sorpresa. I premi possono essere qualsiasi cosa, da piccoli regali a grandi regali come un nuovo iPhone o una cena per due in un ristorante alla moda. Crediamo nel potere di regalare un’esperienza. I soldi saranno spesi, ma l’esperienza rimarrà con loro per sempre. Diamo ai gestori un budget per regali di esperienza discrezionali.” Alex  Yastrebenetsky ,  InfoTrust

  1. Usa la tua piattaforma di comunicazione aziendale  

“Crediamo che il riconoscimento debba provenire da tutti i livelli dell’organizzazione, non solo dall’alto verso il basso. Ecco perché abbiamo creato un canale su Slack in cui chiunque in azienda può condividere facilmente le vittorie e riconoscere i risultati degli altri con l’intero ufficio, rendendo tutti parte della nostra cultura del riconoscimento.” Howard Breindel,  De Santis Breindel

  1. Fornire feedback positivi continui e spontanei

“I programmi formali di riconoscimento dei dipendenti sono comuni nelle grandi aziende e hanno sicuramente il loro posto, ma possono diventare solo un’altra cosa da aggiungere all’elenco delle “cose ​​da fare”. La creazione di una cultura di feedback e riconoscimenti coerenti, attuali e positivi durante le riunioni, le presentazioni e la comunicazione quotidiana può avere un impatto ancora maggiore sulla fidelizzazione dei dipendenti e promuovere una cultura del lavoro positiva.” Keri Witman, Cleriti

  1. Rendi le grida una parte delle tue riunioni di squadra regolari  

“Ogni settimana alla nostra riunione di tutto il team, iniziamo con ringraziamenti di valore e apriamo la strada al riconoscimento dei membri del team eccezionali. È fantastico essere visti e celebrati dai tuoi colleghi e leader, e questo formato lo mantiene attuale e autentico.”  Jennifer Laible , Antenna    

  1. Avere un premio mensile nominato dai pari

“Il nostro Dipendente del mese non è scelto da me ma dai membri del team. Ogni mese ogni dipendente nomina qualcuno che si è distinto per loro e ne condivide il motivo. Quando selezioniamo il vincitore, condividiamo il feedback in modo anonimo e loro ricevono una ricompensa in denaro. Come CEO, personalmente non vedo molto del giorno dopo giorno per ogni dipendente. I coetanei ne vedono molto di più, quindi una loro ricompensa è molto significativa.” Leila Lewis, Be Inspired PR

  1. Ringraziare i membri della famiglia del dipendente

“Trascorriamo la maggior parte delle nostre ore di veglia al lavoro, sacrificando il tempo delle nostre famiglie e donando alle nostre aziende in innumerevoli modi. Invitare i membri della famiglia a eventi di riconoscimento e feste aziendali è una posta in gioco, quindi la prossima volta che vuoi riconoscere un dipendente, alza il telefono e chiama il suo partner e ringrazialo per averti permesso di avere la persona amata che contribuisce alla tua azienda.”  Katina Kenyon, Applaudo Studios  

  1. Stabilisci obiettivi specifici e festeggia quando vengono raggiunti

“Stabilisci obiettivi specifici e misurabili e, una volta raggiunti, festeggia con uscite divertenti come happy hour, giochi sportivi o concerti. Puoi anche provare a creare un’email che vada a un particolare team affinché i colleghi si riconoscano a vicenda. Crea un premio per celebrare e riconoscere i team che vanno oltre e vivono i valori dell’azienda.” Kim Perell ,  Amobee

  1. Riconosci le vittorie dei dipendenti sui social media

“In qualsiasi azienda, è importante riconoscere i risultati raggiunti dai dipendenti e creare un ambiente che apprezzi i loro sforzi. Quando un membro del team ha una “vittoria”, pubblica il suo risultato sull’account dei social media dell’azienda. Condividere le loro vincite sulle tue piattaforme social farà sentire i tuoi dipendenti riconosciuti non solo dal loro team immediato, ma anche dagli utenti che seguono i tuoi account.” Arya Bina, Kobe Digital        

  1. Amplifica la celebrazione reciproca dei tuoi dipendenti  

“Consentire ai dipendenti di festeggiarsi a vicenda ha un grande impatto. I miei dipendenti si congratulano a vicenda per i successi ottenuti attraverso GIF, emoji e incoraggiamenti creativi che posso poi amplificare. Questo crea una cultura in cui i membri del personale sono responsabili gli uni degli altri e stanno facendo un ottimo lavoro per ragioni diverse dal semplice impressionarmi.” Kathleen Lucente ,  Comunicazioni dei tifosi rossi

  1. Approfitta delle piattaforme di coinvolgimento dei dipendenti basate su punti

“Di recente abbiamo integrato una piattaforma che consente ai dipendenti di riconoscersi l’un l’altro per le loro “vincite”, grandi e piccole. Quindi, indipendentemente dal fatto che abbiano raggiunto un mese record di vendite o abbiano portato via la spazzatura nella cucina dell’ufficio, i membri del nostro team sono in grado di assegnare punti l’uno all’altro, che possono essere riscattati per piccoli regali. È un ottimo modo per promuovere il coinvolgimento e l’incoraggiamento del team.”  Michael Mogill ,  Gruppo Video Crisp

  1. Concentrarsi sui risultati organizzativi

Se riconosci costantemente i dipendenti per ogni risultato, vedrai un calo della produttività e dello sviluppo dei dipendenti. Non è necessario organizzare una festa per le persone che hanno successo nel loro lavoro: questa è l’aspettativa ed è per questo che dai loro dei soldi. Riconosci invece pubblicamente ogni vittoria dell’organizzazione. Crea un senso di orgoglio per la tua azienda e le persone continueranno a spingere.” Josh Sample,  guida i social media Saint Louis  

Per l’articolo completo puoi leggere qui.

Ho sottolineato tutto il pensiero numero 11, di Josh Sample per una chiara motivazione: bisogna impegnarsi a rimanere nel centro. Il rischio di tanti riconoscimenti è di cadere nel polo opposto rispetto alla precedente modalità di agire, rigida in modo eccessivo. Il rischio è quello di passsare a una nuova modalità troppo premiante. Dico “si” ai premi, alle feste, ai riconoscimenti pubblici, al riposo, ai giochi ma dico “no” alla dipendenza da essi. La saggezza è nell’essere al centro, equilibrati.

Credo che il riconoscimento debba giungere da dentro, innanzitutto. Una persona che non ha soddisfatto il bisogno di riconoscimento dei genitori è in pericolo perché può cadere di fronte le tentazioni.

La forza morale va forgiata il prima possibile per essere alberi con profonde radici e al primo posto serve instillare un senso di orgoglio per l’azienda e la missione che rappresenta e solo dopo i riconoscimenti.

In altre parole, il contributo dei dipendente può e deve dipendere dal proprio credo e non dai compensi. Se facessimo un paragone nella vita privata sarebbe: stai con quella persona per amore e non perché hai paura di stare da solo. Chi non ha paura di stare da solo non cede alle provocazioni. Non sarà una carezza (fisica o emotiva) a fargli “perdere la testa”.

Bisogna essere più forti, o meglio, più consapevoli. La via costruttiva è dentro, non fuori. Quindi dico si alla creazione della cultura del riconoscimento, ma prima bisogna auto-riconoscersi.  

3. Cosa non fare per il riconoscimento sul posto di lavoro.

Sarà un nuovo mondo quando ognuno di noi in modo consapevole agisce con rispetto verso gli altri. Questa è la cultura che voglio alimentare. Tutti facciamo degli errori, quindi attenzione all’idea di perfezione. Qui voglio “solo” portare consapevolezza.

Di solito si studia cosa fare per realizzare un successo, oggi voglio aggiungere le cose da non fare, pensando sempre che dietro a un’azione c’è la consapevolezza e non un automatismo.

  1. Non lanciare giochi competitivi.
  2. Non dimenticare di premiare qualsiasi tipo di contributo all’impresa.
  3. Non impostare ” l’asta ” troppo in alto.
  4. Non dimenticare di incoraggiare i tuoi dipendenti, anche se non hanno ancora ottenuto risultati eccezionali.

<< La premessa per la convivenza e il dialogo in una società multietnica è il riconoscimento teorico e pratico, che oltre alla propria cultura, possono esservi altre culture, dotate di pari valore umano, se pure a uno stadio meno avanzato di sviluppo tecnico, ossia altre forme di consapevolezza, altri complessi di esperienze umane condivise e convissute. Non si può pretendere di comunicare con ciò che si nega. >>

Franco Ferrarotti sociologo, accademico, politico e saggista italiano 1926

PARTECIPA ALLA RIVOLUZIONE DI COSCIENZA

Scegli il binario per imparare a essere in armonia con te e con gli altri.

Scarica la guida pratica scritta da Mariacristina Palmiero con raccoglie 21 passi di preparazione al metodo COCOLI per elevare la coscienza dell'ambiente.

Cosa Riceverai In Questa Guida

La strategia più forte

La semplicità di esecuzione degli esercizi rende possibile la trasformazione a chiunque.

Investi su Mestesso S.P.A.

Tu sei la tua prima azienda. Investi il tuo tempo su di te perchè meriti di essere felice!

Estensione Mondiale

Tutte le email che riceverai e gli ebook scaricabili saranno sempre in lingua italiana e inglese.

GESTISCI UN CENTRO OLISTICO, UN OSPEDALE, UNA SCUOLA O UN'AZIENDA FUTURISTICA?

Conosci già quanto vale prendersi cura delle persone. L'essere umano è interconnesso con tutti e con tutto e quindi più sta bene e più porta benefici nel suo ambiente.

Se vuoi portare in armonia un gruppo di persone puoi chiedere una collaborazione scrivendo qui

Interazioni del lettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mariacristina Palmiero

Mariacristina Palmiero è una futurista, autrice e leader nei settori della medicina olistica e delle risorse umane.

risorse gratuite

DICONO DI ME

"Ho conosciuto la Dottoressa Mariacristina Palmiero in un momento delicato della mia vita. Mi é subito piaciuta, non so perché, ma aveva un'energia invitante. Ricordo di averla contattata per problemi di alimentazione, da subito si è dimostrata sensibile, competente e molto attenta a chi le stava difronte, per me elemento essenziale. Poi col tempo ho spostato l'attenzione sui problemi dell'anima e li ho trovato una luce che ha illuminato tutta la mia esistenza. E' stata ed è un punto fermo in questo percorso di crescita, ho imparato a guardare ogni cosa e ogni persona con occhi diversi. Le sono molto riconoscente per tutto quello che mi ha trasmesso e credo che ognuno di noi dovrebbe incontrare almeno una volta la Dottoressa Palmiero."
Giuditta Ponticelli
"Mariacristina combina gentilezza, ascolto, doti empatiche e presenza verso i propri clienti ad una preparazione fuori dal comune per una ragazza di appena trent'anni. Costantemente presente verso i propri clienti. E' una creatura che fa del servizio uno stile di vita senza risparmiarsi sul portare avanti, spesso da sola, un progetto così importante ed ambizioso."
Paolo Muccio
"Ho conosciuto la Dottoressa Mariacristina Palmiero quasi per caso in un momento della mia vita in cui avevo bisogno di ricompormi e centrarmi. Oltre ad aver trovato un'attenta e scrupolosa nutrizionista ho conosciuto una professionista a 360 gradi che si occupa anche e soprattutto del nutrimento della nostra anima. Ritengo che sia la persona adatta a seguire tutti quei casi in cui la sola dieta dimagrante non basta, le persone che hanno avuto dalla dieta solo effetti temporanei o ancora chi ha vissuto con peso e costrizione. La dottoressa saprà sicuramente trovare la chiave giusta per il proprio nutrimento interiore e di conseguenza quello esteriore. Ho avuto modo inoltre di sperimentare anche gli effetti benefici della Reconnective Healing sul mio corpo e sulla mia persona, altro importantissimo tassello per la guarigione del corpo attraverso il nutrimento interiore. In generale l'averla incontrata è stato per me una vera e autentica benedizione."
Leonardo Longhi
"La Dottoressa Mariacristina Palmiero è una professionista attenta e scrupolosa; ama il proprio lavoro e accoglie amorevolmente ogni paziente. Pone al centro della propria attività il continuo studio e la ricerca al fine di garantire risultati efficaci ed efficienti in base alle esigenze specifiche di ogni individuo. Il suo pregio migliore è l'umiltá che le consente di mettersi in discussione e di essere in continua evoluzione. Grazie alla Dottoressa Palmiero, dopo due gravidanze, sono riuscita a ritornare al peso desiderato con un'alimentazione equilibrata e sana."
Rossella Mazza